Annunciazione: 25 marzo

Festa dell'annunciazione

Annunciazione: 25 marzo
La celebrazione della Solennità dell’Annunciazione non ha un’origine chiara, anche se si pensa che fosse celebrata già nel IV sec., periodo della diffusione del Culto Mariano che culminerà con la definizione di Maria “Dei Genetrix”, Madre di Dio, nel Concilio di Efeso del 431.
Il fatto che esistesse fin dalle origini un luogo di culto presso la Grotta dell’Annunciazione può far pensare che con molta probabilità vi si svolgesse anche il ricordo liturgico della festività dell’Annunciazione.
Alcune delle maggiori festività Mariane, che trovano le loro radici nei racconti evangelici, in quelli apocrifi e nei dogmi Mariani, in Terra Santa vengono, infatti, celebrate solennemente nei luoghi che ne conservano la memoria:

  • l’Annunciazione, il 25 marzo, presso la Basilica dell’Annunciazione a Nazaret;
  • la Visitazione, il 31 maggio, presso il santuario della Visitazione di Ain-Karem;
  • l’Assunzione, celebrata il 15 agosto, con un momento di preghiera presso la Tomba di Maria a Gerusalemme;
  • la Natività, l’8 settembre, presso la Chiesa di S. Anna a Gerusalemme.


La Custodia di Terra Santa celebra la solennità dell’Annunciazione a Nazaret con l’entrata solenne del Patriarca nella Basilica, al vespro del 24 marzo, in preparazione della solenne celebrazione del giorno seguente. Al Vespro solenne segue, a tarda sera, una veglia presso la Santa Grotta.
Il 25 mattina è un momento di grande gioia e partecipazione per la locale comunità cristiana e rappresenta il culmine della vita del Santuario.
Al termine della celebrazione, si svolge una processione intorno alla Grotta, emblema dell’Incarnazione. Durante la processione è portato solennemente il Libro dei Vangeli, segno della Parola che in questo luogo si è fatta Carne. Inoltre il Guardiano del convento porta la Rosa d’oro, dono offerto da Giovanni Paolo II durante il pellegrinaggio del 2000, che simboleggia il buon odore di Cristo portato nel grembo della Beata Vergine.

Tradizione liturgica
San Giuseppe