Presbiterio

Presbiterio

L’area presbiteriale corrisponde al perimetro della basilica di epoca bizantina. Affacciandosi dalla balaustra di ferro è possibile godere della vista della Grotta dell’Annunciazione. All’interno dell’antico abside semicircolare della chiesa bizantina è predisposto lo spazio per i celebranti. L’altare, orientato verso la Grotta, è al centro della piccola navata.

Sotto la balaustra si scorgono le mura e i mosaici pavimentali della chiesa bizantina. Queste opere musive sono molto frammentarie, a causa delle trasformazioni strutturali subite dal santuario nei secoli.

I mosaici a sud, con cornice a intreccio geometrico, appartengono alla navata laterale della chiesa bizantina; quelli di ovest, orientati verso la Grotta, presentano una corona formata da tessere nere e rosso-vermiglie, con al centro il monogramma costantiniano costituito dalle lettere greche Chi-Ro, prime due lettere del nome di Cristo.

Di seguito, un altro quadro dello stesso mosaico è composto di tessere nere su sfondo bianco, con il motivo della croce cosmica. Questi segni furono usati già dai primi cristiani come emblemi cristologici, e la loro collocazione sul pavimento fa propendere per una datazione del complesso musivo precedente al 427 d.C., quando l’imperatore Teodosio II vietò di ritrarre croci sui pavimenti, ad evitare che venisse calpestato il segno della redenzione.

Presbiterio